Risotto alla zucca vegan

14894583_1116677951721306_1374862986_o

Auguro a voi tutti buon halloween, io sono particolarmente emozionata perchè è il primo halloween di mio figlio Leon! Questa ricetta è un classico irrinunciabile di questo periodo, ma ho voluto comunque pubblicare una ricetta perchè questa è la versione vegan, cioè senza burro nè parmigiano.

l’ occorrente per 4 persone :

  • 300 gr di riso semintegrale
  • una grande fetta di zucca
  • una cipolla
  • uno spicchio d’ aglio
  • prezzemolo q.b
  • brodo già pronto
  • una noce di margarina bio
  • pepe e sale q.b.

tenere  caldo a fuoco basso il brodo che avete precedentemente preparato con sedano carota cipolla aglio e un dado bio a bassa percentuale di sodio. Fate imbiondire la cipolla e l aglio reso in polpa fintanto mondate e riducete in pezzetti la zucca. Versate la zucca ridotta a tocchetti aggiungete un pò d’ acqua e stufatela per 10 minuti  con il coperchio. dopo che i è ammorbidita potete aggiungere il riso  alzando un pò la fiamma per dorarlo un pò . Versare mezzo bicchiere di vino bianco e fatelo sfumare. Dopo che si è fatta una bella salsina, potete iniziare a versare il brodo e mescolare di tanto in tanto , fino a che il riso risultera’ triplicato di volume , cioè dopo circa mezz’ora. Spegnete il fuoco, mantecate con la margarina aggiustate di sale , speziate con prezzemolo, pepe e altre spezie come peperoncino, rosmarino ecc. io sto allattando e sto evitando di usare troppe spezie. e voilà il piatto è servito.

il-mio-primo-halloween_o

Annunci

Ravioli vegan alla norma

 

14877683_1114644425257992_1752575664_n

Buongiorno e ben ritrovati nel mio blog! sono stata assente per lungo tempo causa trasferimento all’ estero e lavoro.

Ho trovato 5 minuti  tra una poppata e un pisolino  di Leon per scrivere una ricetta golosa  che ho provato oggi per pranzo: ravioli alla norma,  una ricetta vegana, con farine intgeralidi semola di frumento e segale. La farcia  è composta da melanzane a funghetto e ragu’ di soia.

Ma ecco cosa occorre:

INGREDIENTI PER 6 PERSONE:

  • 250 gr. di semola di granoduro integrale
  • 100 gr. di farina di segale
  • un bicchiere di aquafaba
  • acqua q.b.
  • sale facoltativo a seconda dei gusti

per la farcia:

  • 3 cucchiai di soia granulare da idratare con del brodo o acqua
  • mezza bottiglia di passata di pomodoro bio o melio fatta in casa
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • sedano cipolla carota sminuzzati
  • brodo per besciamella e per allungare all ‘occorrenza il ragù
  •  1 cucchiaio abbondante di maizena
  • pepe sale noce moscata q.b.
  • 2 melanzane tagliate a tocchetti piccoli
  • pangrattato q.b.

 

Per prima cosa far andare il soffritto  e  fate riscaldare un pò di brodo fatto in precedenza . Prendete una noce di margarina  in una casseruola e stemperatela assieme alla maizena, quando il tutto sarà liscio e omogeneo ,iniziate ad aggiungere poco per volta il brodo caldo  circa un  bicchiere e girate fino a quando la besciamella inizierà a diventare bella cremosa, spegnere il fuoco e condirla con noce moscata  e sale.

al soffritto aggiungere la soia reidratata e scolata, far asciugare un pò , alzare la fiamma e aggiungere vino bianco , mezzo bicchiere , dopo che il vino ha sfumato aggiungere la passata di pomodoro, abbassare la fiamma e coprire con un coperchio, girare di tanto in tanto, se si asciuga troppo aggiungere del brodo. Dopo circa mezz’ ora il ragù è pronto. unire la besciamella al ragù.

tagliare a tocchetti le melanzane e soffriggerle in poco olio di girasole in una padella antiaderente, appena cotti  asciugarli con carta asssorbente e unirlo ad una metà del ragù che utilizzeremo per la farcia. A questa unire pangrattato, prezzemolo, pepe e spezie a piacimento.

Per la pasta miscelare le due farine in una terrina alta in modo da impastare meglio, versare l’aquafaba  impastando,  ( l’aquafaba è l’acqua di cottura dei ceci e contiene naturalmente proteine che favoriscono i legami ) versare l’acqua poco per volta fino a quando nn si raccolie tutta la farina. Aggiungere il sale. Versare la pasta su un piano e lavorarla affinchè  non si ottiene una palla liscia e omogenea, tirare la pasta un pezzo per volta iniziando al buco più largo fino al penultimo , per una questione di gusti la pasta mi piace più spessa ,  ma potete sfogliarla ancora più fina. io mi sono aiutata con un forma ravioli si trova in commercio , ma niente  vi può impedire di farli a mano con rotella e tanta pazienza! mettere un mezzo cucchiaino di farcia e chiuderli  infarinando tra uno e l’altro.

cuocerli in acqua bollente con l ‘aggiunta di un filo  di olio per nn farli incollare durante la cottura , appena risalgono in superficie sono pronti. Amalgamarli in una casseruola a fuoco basso insieme all’ altra metà del ragù.

aiungere facoltativo rana padano vegano ( anacardi e lievito  al. in scaglie e gomasio). Io nn ce lo metto.

BON appetit!