gnocchi di platano (ricetta fruttariana)

WIN_20180407_19_26_34_Pro

Oggi dopo mille focacce per la festa del villaggio di domani, non ho potuto fermarmi mezzo secondo  per prepararmi neanche uno smoothie , ed eccomi qua con solo in pancia una spremuta ed un insalata, dunque avevo due platani abbastanza maturi…

…. e tanta fame! bene queste due banane strane fanno proprio al caso mio, dovete sapere che il platano è soprattutto una fonte di carboidrati sotto forma di zuccheri naturali e di potassio. Viene consumato come cibo amidaceo.

Il suo contenuto di fibre contribuisce a mantenere regolare il funzionamento dell’intestino e a ridurre i problemi di stitichezza. Per quanto riguarda le vitamina, il platano è una fonte di vitamina A e di vitamina C che contribuiscono alla salute della pelle e degli occhi e al corretto funzionamento delle difese immunitarie. E’ anche una fonte di vitamine del gruppo B, importanti per il metabolismo, e di sali minerali, a partire dal potassio, che contribuisce a tenere sotto controllo la pressione del sangue contrastando gli effetti negativi del sodio. contiene  vitamina K

Il platano contiene anche magnesio, ferro e fosforo.

Bene dopo aver appreso le informazioni nutrizionali che sono davvero a mio avviso sbalorditive, vi spiego come si consuma, ahime la via piu facile é cuocerla , ma i crudisti ricavano la farina da essiccazione per poi idratarla  e riettere in essiccatore , un po’ lungo ma fattible se si trova la farina di platano, io non credo di fare questo procedimento perché non saprei dove trovare la farina in questione , sia perché sicuramente costerebbe un occhio della testa , mentre un platano lo trovo anche a 40 centesimi l’ uno.

Dunque veniamo al procedimento degli gnocchi di platano.

per una porzione di gnocchi ci vogliono:

  • 2 platani ,
  • un cucchiaio di olio ,
  • un pizzico di sale .
  • Facoltativo  un pizzico di noce moscata.

cuocere i platani in forno per 20 min a 200° , prendere un platano per volta , l ‘ altro lo lasci in forno senno é difficile lavorarlo, togliere la buccia facendo attenzione a nn scottarsi, e tagliare a tocchetti e frullere nel mixer con lama ad esse , una prima frullatina , dopo aggiungere il resto degli ingredienti , mezzo cucchiaio di olio , sale e noce moscata. Frullare ancora, si formerà una palla  facile da lavorare. mettere da parte e lavorare allo stesso modo l’ altro platano.

Ora procedere come gli gnocchi classici: fare  dei serpentelli , tagliare a tocchetti e b

uttare in acqua bollente salata , appena algono in superficie prenderli con la schiumarola . Gli gnocchi  sono pronti e potete condirli come più vi piace, io li ho conditi con della polpa di pomodoro  .

 

Annunci

Raw sushi con Pastinaca

29744342_1852735104761272_4950356191825379488_o

Buongiorno  e benvenuti sul mio blog !

Oggi vi volevo spiegare una buona alternativa totally Raw  e vegan dell’ amatissimo sushi  giapponese.

L’ ingrediente che sostituirà  il riso é la pastinaca ,  vi giuro cruda é buonissima e profumatissima, e  ridotta grazie al mixer in pezzettini piccolissimi , da l idea dei chicchi di riso.

RICETTA E PROCEDIMENTO

  • 3 pastinaca bio
  •  2 cucchiai  di pasta di anacardi
  • verdurine a piacere a listarelle ( avocado carota peperone cetriolo zucchina )
  • alga nori cruda ( é piu scura , quasi nera)

 

togliere le estremità delle pastinaca e tagiare a tocchetti grossolanamente ,  avviare il mixer  con lama ad esse  e ridurre i pezzettini, dopodiché versare il  tutto in una ciotola , amalgare bene le due noci di pasta di anacardi , in modo che prendendo l’ impasto si agglomeri bene.

Ora che abbiamo ottenuto il nostro  ” riso ” possiamo procedere  normalmente ed assemblare il nostro sushi nella maniera classica, di seguito faro’ un video esplicativo  per fare il raw sushi. accompagnate il sushi con la salsa di soia nn pastorizzata ,  si chiama nama shoyu.

Bene fatemi sapere se non é troppo buona questa versione di sushi , io la preferisco rispetto a quella con il cavolfiore, non mi entusiasma particolarmente, e voi come la fate? baci e alla prox !

tacos di grano saraceno crudisti (lowfat)

30052108_1851656634869119_8875307504340044412_o

ECCOMI DI RITORNO  bene , oggi vi presento quella che me é una scoperta culinaria crudista davvero eccellente , cioé il grano saraceno . in realtà in passato l ho mangiato , ma mai in versione RAW. Io ho utilizzato il grano saraceno decorticato , ma il massimo delle sue potenzialità nutrizionali si hanno con il grano saraceno GERMOGLIATO.

Il grano saraceno  Il grano saraceno(Fagopyrum esculentum) è una pianta erbacea della famiglia delle Poligonacee. Non si tratta di un cereale dal punto di vista botanico, dato che non fa parte della famiglia delle Graminacee. Talvolta il grano saraceno, insieme alla quinoa, viene definito come uno pseudo-cereale. le sue origini sono asiatiche.

grano_saraceno_proprieta_benefici

è una fonte di sali minerali come ferro, zinco e selenio. I suoi semi contengono l 18% di proteine, con valore di bioassorbibilità superiore al 90%. Apportano amminoacidi essenziali, tra cui troviamo soprattutto la lisina, la treonina e il triptofano. Si tratta inoltre di una fonte di antiossidanti, come rutina e tannini.

Il grano saraceno non contiene glutine . Dalle tabelle dell’Inran comprendiamo che 100 grammi di grano saraceno contengono 12,4 grammi di proteine, 3,3 grammi di lipidi, 13,1 grammi di acqua e 62,5 grammi di carboidrati.

Dunque é  allineanto alla perfetta  distribuzione dei macro.

Ma veniamo alla ricetta dei tacos , che poi in base alla forma ,alla grandezza, allo spessore ed infine alle ore passate in essiccatore , lo stesso impasto puo’ essere utilizzato per sostituire pane, gallette, crackers ,basi pizze ecc….

TACOS di grano saraceno : (4 porzioni)

  • 150 gr di grano saraceno decorticato ammollato per una notte
  • 3 cucchiai circa di lievito alimentare in scaglie
  • uno spicchio d ‘ aglio
  • capperi due cucchiaini
  • semi di chia 1 cucchiaio
  • sale, pepe, origano, altre spezie a piacere
  • facoltativo peperoncino piccante in polvere

versare in un mixer con lama ed esse il grano saraceno scolato , e il resto di tutti gli ingredienti , deve risultare un impasto compatto e cremoso , girando il cucchiaio il composto nn deve cadere.

iniziare a stendere con il leccapentola unto con olio di sesamo o con qualsiasi  altro olio che preferite, il composto in modo da formare 4  dischi di circa 15 cm di diametro, ne troppo spessi ne troppo fini  , tenete conto che si ridurranno all ‘ essiccazione .

far essiccare tutta la notte , io ho acceso prima di  andare a letto alle 10 , (ebbene si vado presto perché vado a nanna con il bimbo) e alle 8 lo spengo , deve risultqare secco ma nn croccante , deve essere di consistenza elastica , io ad esempio non ho ritenuto opportuno girare i dischi in questo caso, ho voluto una parte piu secca e una piu morbida.

Risultato ? chiedetelo a mio figlio ! li adora!

Miniburger di avena sapore mediterraneo

Salve a tutti! Ripropongo anche oggi miniburger! Ebbene si…. sono stata contagiata dalla burger mania! Questo perché é un facile pasto completo, sia da fare che da maneggiare per il mio piccolo 2 enne. In piu é adatto anche  a me che seguo un alimentazione 80 10 10. Essendo completamente senza oli né sale. Sono buonissimi sani e nutrienti.

INGREDIENTI Per 10 miniburger:

  • 200 gr di fiocchi d avena
  • 6 pomodori secchi dissalati
  • 1/2 peperone rosso
  • Erbe provenzali
  • 1 Spicchio di aglio
  • Un cucchiaino di semi di lino
  • Farina precotta di miglio q.b.
  • Mezza zucchina
  • Una cipolla

Procedimento:

Versare nel.mixer tutti gli ingredienti, aggiungere un pochino di acqua , giusto per ottenere un bel Impasto malleabile.  Aggiungere  della farina ptecotta al fine di migliorare la texture. Con  il cucchiaio prendere una noce del compostoe far dorare in entrambe le parti in una padella antiaderente o di ceramica. E sono pronti per tutta la famiglia!

Medaglioni di amaranto e polenta


Dopo una lunga assenza forzata per mancanza di connessione ( sono stata letteralmente nella foresta per un mese e mezzo) vi riscrivo descrivendo una delle mie ricette vegane sane e nutrienti , ottime come pasto per i piu’ piccoli. 
INGREDIENTI PER 15 MEDAGLIONI CIRCA:

  • 250 gr di amaranto
  • 750 ml di acqua
  • Una carota
  • Una cipolla
  • Una zucchina
  • Uno spicchio di aglio
  • Un cucchiaio di lino spezzato
  • 200 gr di fiocchi di avena macinati
  • 250. gr Di polenta 
  • Un cucchiaio di thain
  • Spezie a piacere

PROCEDIMENTO:

Mettere insieme in una casseruola acqua e amaranto e cuocere per circa 40 minuti. Spegnere il fuoco e lasciarlo riposare in modo che gonfi, mettere da parte. Nel frattempo preparate le verdure: tritarle nel robot e passarli in padella con un filo di olio 10 minuti. 

A questo punto unire i due composti e aggiungere i fiocchi di avena , i semi di lino la polenta, fino a raggiungere una consistenza tale da poter maneggiare col leccapentola. Infine mettere thain e le spezie.

Con il leccapentola prendere una noce per volta il composto formando dei rettangoli su una padella antiaderente aggiungendo un filino di olio evo, a fiamma moderata, far cuocere 3 4 minuti per parte, et voila bon apetit!