Ravioli vegan alla norma

 

14877683_1114644425257992_1752575664_n

Buongiorno e ben ritrovati nel mio blog! sono stata assente per lungo tempo causa trasferimento all’ estero e lavoro.

Ho trovato 5 minuti  tra una poppata e un pisolino  di Leon per scrivere una ricetta golosa  che ho provato oggi per pranzo: ravioli alla norma,  una ricetta vegana, con farine intgeralidi semola di frumento e segale. La farcia  è composta da melanzane a funghetto e ragu’ di soia.

Ma ecco cosa occorre:

INGREDIENTI PER 6 PERSONE:

  • 250 gr. di semola di granoduro integrale
  • 100 gr. di farina di segale
  • un bicchiere di aquafaba
  • acqua q.b.
  • sale facoltativo a seconda dei gusti

per la farcia:

  • 3 cucchiai di soia granulare da idratare con del brodo o acqua
  • mezza bottiglia di passata di pomodoro bio o melio fatta in casa
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • sedano cipolla carota sminuzzati
  • brodo per besciamella e per allungare all ‘occorrenza il ragù
  •  1 cucchiaio abbondante di maizena
  • pepe sale noce moscata q.b.
  • 2 melanzane tagliate a tocchetti piccoli
  • pangrattato q.b.

 

Per prima cosa far andare il soffritto  e  fate riscaldare un pò di brodo fatto in precedenza . Prendete una noce di margarina  in una casseruola e stemperatela assieme alla maizena, quando il tutto sarà liscio e omogeneo ,iniziate ad aggiungere poco per volta il brodo caldo  circa un  bicchiere e girate fino a quando la besciamella inizierà a diventare bella cremosa, spegnere il fuoco e condirla con noce moscata  e sale.

al soffritto aggiungere la soia reidratata e scolata, far asciugare un pò , alzare la fiamma e aggiungere vino bianco , mezzo bicchiere , dopo che il vino ha sfumato aggiungere la passata di pomodoro, abbassare la fiamma e coprire con un coperchio, girare di tanto in tanto, se si asciuga troppo aggiungere del brodo. Dopo circa mezz’ ora il ragù è pronto. unire la besciamella al ragù.

tagliare a tocchetti le melanzane e soffriggerle in poco olio di girasole in una padella antiaderente, appena cotti  asciugarli con carta asssorbente e unirlo ad una metà del ragù che utilizzeremo per la farcia. A questa unire pangrattato, prezzemolo, pepe e spezie a piacimento.

Per la pasta miscelare le due farine in una terrina alta in modo da impastare meglio, versare l’aquafaba  impastando,  ( l’aquafaba è l’acqua di cottura dei ceci e contiene naturalmente proteine che favoriscono i legami ) versare l’acqua poco per volta fino a quando nn si raccolie tutta la farina. Aggiungere il sale. Versare la pasta su un piano e lavorarla affinchè  non si ottiene una palla liscia e omogenea, tirare la pasta un pezzo per volta iniziando al buco più largo fino al penultimo , per una questione di gusti la pasta mi piace più spessa ,  ma potete sfogliarla ancora più fina. io mi sono aiutata con un forma ravioli si trova in commercio , ma niente  vi può impedire di farli a mano con rotella e tanta pazienza! mettere un mezzo cucchiaino di farcia e chiuderli  infarinando tra uno e l’altro.

cuocerli in acqua bollente con l ‘aggiunta di un filo  di olio per nn farli incollare durante la cottura , appena risalgono in superficie sono pronti. Amalgamarli in una casseruola a fuoco basso insieme all’ altra metà del ragù.

aiungere facoltativo rana padano vegano ( anacardi e lievito  al. in scaglie e gomasio). Io nn ce lo metto.

BON appetit!

 

 

NON CI SONO PIU’ API – In Cina impollinatori al lavoro — PianetabluNews

PREOCCUPANO GLI SCIENZIATI LE IMMAGINI CHE MOSTRANO GLI IMPOLLINATORI AL LAVORO SUGLI ALBERI DA FRUTTO nella contea di Hanyuan, della provincia di Sichuan. Nella contea cinese di Hanyuan, situata all’interno della provincia cinese di Sichuan, non ci sono più api. Quando arriva la stagione della fioritura, gli impollinatori salgono sugli alberi e fanno manualmente il…

via NON CI SONO PIU’ API – In Cina impollinatori al lavoro — PianetabluNews

Pane crudista ( gluten free raw bread)

image

Il ” pane” crudista in realtà non è pane realmente in quanto nn subisce ne’ lievitazione né cottura  ma  si utilizza per esattamente allo stesso modo: può essere farcito, rollato, si possono fare tramezzini tartine e tanto altro ancora. 
Questa versione non è nut free , quindi non è  lowfat (basso in grassi) ma ho voluto provare gusto e consistenza per vedere la differenza con la versione più leggera, che in seguito pubblicherò.

image

Occorrente per un rettangolo di circa 30×20 :
Una tazza di mandorle nn pelate ammollate per 10 min.
Due cucchiai di semi di lino macinati
Due cucchiai di lievito alimentare inattivo  in polvere
Due datteri medjoul
4 pomodori secchi lavati e strizzati
Un cucchiaio di origano
Un ciuffetto di prezzemolo
10 cm di porro
Una testa di aglio
Spezie a piacere.

Procedimento:
Per prima cosa ammollare le mandorle nel frattempo che si preparano tutti gli ingredienti.  Poi portare le mandorle nel mixer e mano mano aggiungere gli ingredienti aggiungendo all’ occorrenza a  filo  un po’ di acqua per aiutare  la macchina.  Per  ultimo aggiungere le spezie verdi quali prezzemolo e origano ( se aggiungete rosmarino salvia timo maggiorana aggiungere sempre all ultimo) perché se nacinati a lungo e di continuo renderanno amaro il composto. 
Con un leccapentole stendere su ina placca da forno con la carta da forno il composto, sino ad ottenere un rettangolo sottile di circa mezzo cm.
A questo punto mettere in forno solo con luce accesa fino alla essiccazione desiderata ( 6/7 ore circa) o nell essiccatore.  Girare. A metà essiccazione.

NON SAI COME FAR MANGIARE LA FRUTTA SECCA AI TUOI BIMBI?

ECCO UNO SLIDE CHE SPIEGA PASSO PASSO  come fare dei biscotti ovviamente vegan ai più piccoli  che fanno storie per mangiare frutta secca o semplicemente proporre in modo simpatico una tenera merenda sana , gustosa, e ricca di energia! la ricetta della frolla è qui. nelle foto ci sono le mandorle, ma potete far ” abbracciare ” all’ orsetto noci pecan, noci della California, brasiliane, macadamia ecc. … magari fatevi aiutare dai vostri piccoli chef ! Buon Divertimento!

2759617170_b3425648_1409012366_tumblr_nag2ioaz5p1r3s8sco2_1280_1409013726_0_72759617170_a31afc23_1409012386_tumblr_nag2ioaz5p1r3s8sco3_1280_1409013727_1_7

2759617170_c086fa16_1409012411_tumblr_nag2ioaz5p1r3s8sco4_1280_1409013728_2_7 untitledddddddddd

2759617170_cc81307b_1409012446_tumblr_nag2ioaz5p1r3s8sco1_1280_1409013731_5_7

Spaghetti di zucchine al pesto di mandorle (raw)

Ritornando al tendenzialmente crudo è quasi d’ obbligo pubblicare qualche ricettina crudista,anche se questa non sarebbe proprio l’ ideale per 80 10 10 , in quanto è grassa, però ogni tanto si può fare!

IMG_8507-copy-copy1

4 zucchine medie 
2 tazze di foglie di basilico fresco 
2 spicchi d’aglio 
1/3 di tazza di mandorle crude ammollate x mezz’ora 
succo di 1 limone 
1/2 tazza di olio d’oliva 
1/2 tazza di lievito alimentare in scaglie

(facoltativo):
sale + pepe, qb

Utilizzando un pelapatate julienne o un coltello affilato, o meglio ancora con lo spiralizer,  affetta le zucchine longitudinalmente in sottili strisce. Mettere in una ciotola, e cospargere di sale. Lasciate zucchine riposare per 10 minuti, sciacquare strizzare e asciugare.

Nel frattempo, in un frullatore o robot da cucina, aggiungere basilico , aglio, mandorle e limone. aggiungere  olio d’oliva lentamente fino ad ottenere un composto amalgamato, ma ancora un po ‘grosso.  Infine in una ciotola, aggiungere il lievito e il sale + pepe, e mescolare .

Smoothie banana fragola rt4

Smoothie made with strawberries and bananas isolated on white background

Per un ottimo pranzo salutare e freschissimo , alla frutta non c’ è di meglio che un dolcissimo smoothie  alla banana. Se poi ci affianchi un frutto di stagione come la fragola, beh allora…

Puntualizziamo per prima cosa che solitamente non si dovrebbero unire nello stesso pasto frutti di diverso ramo, come in questo caso, essendo banana frutto dolce e fragola frutto semi acido,  come spiegato su questo articolo, ma c’ è chi tollera, come me ad esempio frutta dolce  e acida come banana e frutti di bosco come illustro in questo video .

semplicissimo , come lo sono tutti   gli smoothies, basta solo avere la pazienza di lavare e mondare la materia prima!

Occorrente:

  • 5 banane tigrate
  • 200 gr di fragole
  • un cucchiaio di zucchero di cocco o di sciroppo di agave
  • un cucchiaio di semi di chia

Per il procedimento lo illustro in questo video !

 

Le orribili foto che mostrano il costo umano dell’uso di ogm e pesticidi — 5 MINUTI PER L’AMBIENTE

Ecco come ogm e pesticidi stanno uccidendo le persone in Argentina. Il reportage del fotografo argentino Pablo Ernesto Piovano. Non lasciano spazio a dubbi, o a parole, le foto di Pablo Ernesto Piovano, il fotografo che ha documentato le condizioni in cui versano gli argentini che lavorano o vivono nei pressi dei campi coltivati a soia […]

via Le orribili foto che mostrano il costo umano dell’uso di ogm e pesticidi — 5 MINUTI PER L’AMBIENTE

Bevanda detox al limone curcuma e zenzero

bevanda-detox_slide_mini
Questa bevanda nn è assolutamente farina del mio sacco, ma è stata proposta nel libro “Cuisine végétarienne, sans gluten, souvent vegan, parfois crue”
Per chi non lo sapesse – o l’avesse dimenticato – la curcuma è un vero elisir di salute, perchè utile a depurare il fegato e a trattare le coliche biliari; ha un’azione antifiammatoria, contiene vitamina C e antiossidanti, protegge la mucosa gastrica e stimola il metabolismo. Grazie alla sua azione, assimiliamo meno zuccheri e intanto eliminiamo ristagni e tossine che fissano il grasso alle cellule dell’organismo.

Anche lo zenzero accelera il metabolismo, è un antinfiammatorio naturale, favorisce la digestione e contribuisce a mantenere sotto controllo la glicemia ed il colesterolo. Il limone, invece, contiene vitamina C e potassio, ed inoltre ha proprietà diuretiche: favorisce l’eliminazione delle tossine, aiutando reni e fegato. La presenza del gingerolo si prende cura dello stomaco e dell’intestino.
Quindi questa bevanda merita una prova, che dite?

Questa bevanda è consigliata per il risveglio, fresca d’estate e calda d’inverno. Se volete, dolcificata con il miele, ma io l’ho preferita con lo sciroppo d’agave per questioni etiche, ma è ottima anche al naturale

Ingredienti
  1. 750 ml di acqua
  2. 1 limone e 1/2 non trattati
  3. la punta di un cucchiaio da caffé di curcuma in polvere
  4. un pezzo di zenzero fresco di circa 6-7 cm
Modalità dì’ impiego
  1. Portare ad ebollizione l’acqua.
  2. Mettere in una ciotola capiente, i limoni a rondelle, lo zenzero pelato e tagliato a listarelle e la curcuma.
  3. Versare sopra l’acqua bollente e lasciare in infusione un quarto d’ora.
  4. Filtrare subito se si consuma caldo, oppure tenere in frigo in una caraffa e filtrare al momento del consumo.

Finalmente ritorno …alla frutta!

Care mie banane… son tornata da voi!!!! Mi sono  ripromessa che con L’arrivo della primavera , sarei tornata sui miei dolci squisiti pasti della frutta, ebbene si!  Il mio grande amore, la mia alimentazione ideale ispirata al regime della raw till four la cui guru è la famosissimma Banana freelee. ecco il mio video di riapertura rubrica che gira intorno a quuesto stile di vita: