GLI INCI DEI COSMETICI

 

Oggi vi trascrivo un articolo scritto dalla BioProfumeria Alchemilla che tratta di Cosmetologia e per la precisione degli INCI dei cosmetici.
Vi consiglio altamente di leggerlo perchè è molto importante che voi sappiate cosa mettete sulla vostra pelle. Ma prima di tutto fatemi spiegare brevemente cosa sono gli INCI.

Allora…La parola INCI sta per International Nomenclature of Cosmetic Ingredients e sta ad indicare gli ingredienti dei cosmetici che secondo una convenzione internazionale devono essere scritti in inglese (quelli trattati chimicamente) o in latino (quelli derivati da piante). Grazie ad una legge del 1986 è diventato obbligatorio scrivere gli INCI sulle confezioni di tutti i tipi di cosmetici (ma proprio tutti i tipi…dal sapone liquido alla crema viso). Ogni cosmetico immesso nel mercato ha l’obbligo di riportare nell’INCI in ordine decrescente l’ingrediente con la percentuale più alta e, a seguire quelli con la percentuale più bassa.
I coloranti (C.I colour index) sono indicati sempre in fondo, seguiti da un numero identificativo, esempio ci 77891.
Per controllare gli INCI dei cosmetici è utile consultare il BioDizionario dove con dei semplici pallini verdi, gialli e rossi,viene indicata la tossicità o meno dell’ingrediente.
Spero di essere stata abbastanza chiara. Vi lascio all’articolo, eccolo qui:

“Metteresti sulla pelle cosmetici a base di olio per freni, sgrassatore per motori o antigelo per radiatori?

Questi ingredienti si trovano comunemente sui cosmetici di sintesi o “pseudo” naturali.
Ecco da cosa deve stare alla larga la tua pelle!
  • SILICONI COSMETICI: Tutti conoscono il silicone che si utilizza per le impermeabilizzazioni e per il fissaggio di materiali edili, si sa che il silicone viene utilizzato per protesi estetiche, ma meno conosciuto è il suo uso in cosmesi. Eppure gran parte dei prodotti cosmetici lo contengono. Utilizzati al posto degli emollienti vegetali nelle creme hanno il difetto di non penetrare e non essere complessati in alcun modo dalla pelle, non nutrire affatto. E di questo si accorge chi si applica creme siliconiche convinto di fare bene alla pelle, che invece si disidrata sempre più.Spesso vengono utilizzati per mascherare formulazioni scadenti, povere di principi attivi: danno appagamento immediato con la sensazione di pelle setosa, ma il cosmetico altro non fa.Si riconoscono perché terminano in ..one (es.: dimethicone), …siloxane (es.:Cyclopentasiloxane)
  • CONSERVANTI IN GENERALE: Possono distruggere la flora batterica naturale che protegge la nostra pelle da germi indesiderati (INCI: Methylparaben, Propylparaben, Methylchloroisotiazolinone)
  • COLORANTI: Sono pericolosi quando si libera la cosidetta anilina, una ammina aromatica. I coloranti si nascondono dietro la sigla CI seguita da determinati numeri identificativi, per es CI 17200
  • COMPOSTI ORGANICI ALOGENATI: Sono sospettati di essere allergizzanti e addirittura mutageni (INCI: ingredienti che contengono nel nome le parole Iodo, Brom o Chlor, per es. Chlorphenesin)
  • OLI E CERE MINERALI: Dietro l’apparente innocua parola “minerali” si nascondono prodotti derivati dal petrolio. Le paraffine causano stasi termica, la cosidetta acne di Maiorca ed allergie (INCI: Paraffinum Liquidum, Vaseline, Mineral Oil, Ozecherite, Ceresin, Cera Microcristallina, Petrolatum ecc)
  • TENSIOATTIVI CHIMICI: Sono sostanze sintetiche detergenti, i cui rappresentanti più diffusi e aggressivi sono il Sodium-Laureth-Sulfate (SLES) e il Sodium-Lauryl-Sulfate (SLS)
  • GLICOLI: Il Propylene glycol, il Butylene Glicol, il Pentylene Glycol e gli altri appartenenti alla famiglia di glicoli sono solventi chimici allergenici disidratanti.
  • PEG (polietilenglicoli): I PEG sono per lo più sostanze sintetiche che possono penetrare nella pelle in profondità trasportando con sè altre sostanze problematiche. Sono riconoscibili sotto gli acronimi INCI PEG e PPG
  • ANTIOSSIDANTI CHIMICI:queste sostanze possono scatenarti allergie. Dalle sperimentazioni sugli animali è emerso che possono, infatti, provocare persino tumori e danni al patrimonio genetico. Nelle etichette dei cosmetici secondo l’INCI (international Nomenclatur Cosmetic Ingredients) sono i BHT e i BHA
  • CESSORI DI FORMALDEIDE: alterano le proteine e sono considerati allergizzanti, mutageni e forse cancerogeni (INCI: Imidazolidinyl-Urea, Diazolidinyl-Urea, 5-bromo-5-nitro-1,3-dioxane, DMDM)
  • TRICLOSANO: E’ un conservante capace di decimare in modo così consistente la flora batterica protettiva della pelle da causare la diffusione di germi patogeni pericolosi (INCI: Triclosan)
  • ADDITIVI, EMULSIONANTI:Alcuni ingredienti, contaminati da determinate sostanze, quali ad esempio il cancerogeno 1,4 dioxane, possono concorrere alla formazione di complessi nocivi. In discussione sono soprattutto gli ingredienti che appartengono alle categorie che terminano in ..Eth, ..Oxyno
  • OSSIBENZONE ED ALTRI FILTRI UV: Sono considerate sostanze allergizzanti e fototossiche (INCI: Benzophenone, Octyl Methoxy Cinnamate)
  • MEA/TEA/DEA (amine e amino derivati): Penetrando nella pelle possono dar luogo alla formazione di nitrosamine (sostanze cancerogene) e a loro depositi residuali. Si tratta di acidi grassi di sintesi o ricavati dall’olio di cocco utilizzati come emulsionanti e/o schiumogeni. Presenti in cosmetici, detergenti, shampoo e condizionatori, queste sostanze si trovano combinate sia fra loro, sia con altri tensioattivi o emulsionanti e sono facilmente assorbite dalla pelle. Sono inoltre sensibilizzanti, tossiche e disidratanti. Favoriscono la formazione di acne e forfora. Monoethanolamine (MEA), Triethanolamine (TEA), Diethanolamine (DEA)
Il suddetto, è l’elenco dei più diffusi principi attivi di origine sintetica che bisogna evitare sulla pelle.”Vi è piaciuto l’articolo??? Spero di avervi fatto capire quanto sia importante controllare quello che si trova all’interno dei vostri cosmetici.
Comunque continuerò a parlare di cosmetologia in futuro perchè voglio continuare a rendervi partecipi dei miei studi.
Spero di esservi d’aiuto. Ci vediamo al prossimo post!!

Annunci

Auguri a tutte le donne … 365 volte l’anno!

che sia un simbolo  per ricordare le donne, ma non accetto il consumismo costruito attorno! Basta un gesto un pensiero. Ma non materiale. Non voglio fiori, nè doni in generale. Un gesto d’amore e di amicizia a tutte le donne di questo pianeta e oltre…