Sformato di finocchi vegan

E dieta fu ! Rimettiamoci  ai lavori forzati, niente più scuse, il bimbo ha superato l ‘ anno ma la ciccetta dopo parto è rimasta tale e quale, se nn anche di più! quindi aprirò un nuovo tag del blog ” ricette leggere veg” per chi , come me vuole dimagrire, ma con gusto. Le ricette veg di per sè sono light, ma  non abbastanza, a volte….

16357993_1195548933834207_924458545_o

 

INGREDIENTI:

scottare separamente finocchi e cipolle a fette, intanto preparare la besciamella. scolare le verdure e insaporirle in una casseruola con poco olio e sale, ungere la teglia e mettere pangrattato, mettere uno strato di finocchi e cipolle e poi uno di besciamella , e così via, fino a finire con besciamella pangrattato e un filo d olio. cuocere fino a doratura a forno preriscaldato a 180 200 gradi

Annunci

VELLUTATA DI ZUCCA VEGAN

Vellutata di zucca

questa è una ricetta semplicissima gustosa e leggera adatta in questi mesi invernali.

ECCO IL VIDEO:

Zucca: proprietà ed impieghi della Zucca
Contrariamente a quanto si possa pensare, la zucca, dolcissima e gustosa, è un alimento amico delle diete povere di calorie, adatta persino ai diabetici per la scarsità in termini glucidici. Nonostante gli impieghi della zucca in cucina siano davvero numerosissimi, non dobbiamo dimenticare che la pianta – grazie alle innumerevoli proprietà benefiche – viene assai utilizzata anche in ambito erboristico, fitoterapico e cosmetico.

Zucca: proprietà ed impieghi della Zucca
contiene solo 18 Kcal per 100 grammi di prodotto: ciò è dovuto all’ingente quantità d’acqua in essa contenuta, stimata addirittura intorno al 94,5%. I carboidrati ammontano al 3,5%, mentre le proteine, pochissime, ne costituiscono solo l’1,1%. I grassi, pressoché assenti, rappresentano circa lo 0,1%.
Essendo arancione, è intuibile come la zucca sia miniera di caroteni e pro-vitamina A; inoltre, è ricca di minerali, tra cui fosforo, ferro, magnesio e potassio; buono anche il quantitativo di vitamina C e di vitamine del gruppo B.

Cous cous di amaranto con seitan al curry

image

Cous cous di amaranto con seitan al curry

Ingredienti per 4 persone
Per il cous cous
-250gr di amaranto
-625gr di acqua
-1noce di burro di soia
-1pizzico di sale.
Per il seitan
-Circa 3 etti di seitan precentemente preparato
-2cucchiaini di curry
-1cipolla piccola
-Una lattina di latte di cocco
-Zenzero grattuggiato quanto basta
– succo di 1/2 lime
-pepe e sale q.b.

Procedimento:
Mettere a in un tegame l’acqua, quando arriverà a bollore aggiungere l’amaranto e farlo cuocere per mezz’ora. Appena vedete che si è assorbita titta l’acqua,abbassate la fiamma e mantecate con una noce di burro di soia e un pizzico di sale.
Nel frattempo a tutto ciò, tagliate a pezzetti il seitan e tritate la cipolla. Infarinate il seitan e aggiungetelo in una padella con un filo d’olio a fuoco vivo, girate e poi aggiungete la cipolla, saltate e girate, salate e pepate. Dopo un paio di minuti aggiungete il latte di cocco,lo zenzero grattuggiato al momento, il curry. Fate ridurre un pò il latte e a questo punto spremete il sicco del lime. Noterete che si formerà una crema. Continuate a girare per un altro minuto. Spegnete il fuoco spegnete e impiattate al centro. Impiattate anche l’amaranto, io lo gradisco con un giro di salsa di soia.  Buon appetito!

Frittata di riso e lupini

image

image

Ho messo in ammollo due cucchiai di semi di lino frantumati per circa 10 minuti. Intanto sguscio i lupini( 300 gr) in salamoia e li sciacquo in acqua corrente. Li inizio a passare nel mixer von un filo di olio evo, sale, mezza cipolla a pezzetti,aglio in polvere e due bustine di zafferano, un cucchiaino di curcuma, un pizzico di peperoncino in polvere facoltativo, pepe e cumino in polvere.Infine i semi di lino precedentemente idrolizzati. Passare nel mixer fino a quando nn diventa purea il tutto. Accorpare il composto ottenuto con il riso già cotto con il proprio amido (300gr) e amalgamare. In una padella antiaderente cospargere con un filo d’olio attendere la temperatura e cuocere il composto e coprire. Dopo 10 minuti capovolgere con l’aiuto del coperchio e cuocere  5 minuti. Versarla su un piatto grande.  Lo stesso procedimento può essere fatto al forno a 180 per 25 minuti in carta da forno, oppure dare la forma di crocchette e fritte.
Questo piatto lo considero una mia invenzione perché nn l’ho visto fare da nessuno… e siccome mn vado pazza per la farfrittata di darina di ceci, opto per questa base, anche senza il riso, magari con le cipolle o zucchine o patate. Spero sia stata utile questa gustosa ricetta vegan!

Polpettone veg

difficoltà alta ***


e si, avete letto bene : polpettone. Per di più senza aver ucciso alcun animale e tante proteine, gustoso con la crosticina… insomma, da leccarsi i baffi! Ma procediamo:

Occorrente:

brodo vegetale

1 tazza di farina di lenticchie

glutine di frumento    200 gr

1 tazza di acqua

salsa di soia q. b.

1 cucchiano di sale

spezie varie (origano, paprika, aglio  in polvere , curry, origano, rosmarino, salvia, pepe bianco, curcuma, etc)

pangrattato quanto basta

olio evo q. b.

200 gr di patate.

una spruzzata di vino bianco.

per il ripeno :

spinaci lessati e ben strizzati due cubetti

tre capperi

una manciata di foglie di basilico

una manciata di prezzemolo.

allora per prima cosa dobbiamo preparare in una pentola il brodo  per il muscolo di grano con un pomodoro, una costa di sedano, mezza cipolla e uno spicchio di aglio. io per insaporire metto la salsa di soia ma potete mettere pure un mezzo pugno di sale ( meglio se integrale). A questo punto procediamo con il muscolo . In un recipiente mettete il glutine di frumento e la farina di lenticchie, aggiungete il sale e le spezie , abbondate con la paprike e il curcuma così  donerà al vostro muscolo  un colorito più acceso.

In una tazza  di acqua aggiungete la salsa di soia e girate. Aggiungete l’acqua nel recipiente e con un cucchiaio di legno mescolo fino, poi continuo con le mani facendo un movimento di polso e fino ad ottenere un composto elastico  che nn si rompe.

dividete a metà il muscolo per creare due polpettoni. Create il primo polpettone appiattendolo con le mani. A questo punto mettete le verdurine precedentemente tritate e condite con aglio, pepe e un pizzico di sale e distribuitelo  creado una striscia sulla parte alta del muscolo. chiudete e avvolgetelo con molti giri di pellicola  chiudendo i lati con lo spago da cucina in modo tale da essere sottovuoto, immergetelo facendo prima dei buchetti con lo stecchino e fate cuocere un ora.

nel frattempo preriscaldate il forno e iniziate a ungere la teglia con evo e spellate e tagliate a spicchi le patate, conditele con aromi e pan grattato. A cottura ultimata del muscolo immergetelo in acqua fredda per qualche secondo, togliete la pellicola e affettatelo. Uscite la teglia del forno a metà cottura delle patate aggiungete le fette di polpettone, spruzzate la teglia con abbondante vino bianco, e altro pan grattato. Ultimate la cottura per una ventina di minuti, insomma quando sono cotte le patate, a me piacciono abbrustolite e croccanti… poi sta a voi!

Zuppa thailandese con zenzero e latte di cocco

image

Una delle mie ricette esotiche

Occorrente per 4 persone:
1carota;
1 cipolla;
1spicchio di aglio;
1zucchina;
100gr di verza;
Olio di riso quanto basta;
Alga nori quanto basta;
Un goccio di salsa di soia;
400gr di latte di cocco;
Un pezzo di zenzero fresco;
Un pizzico di curry;
Un pizzico di paprika;
Prezzemolo q.b.
Semi di sesamo quanto basta;
Una conf.da 250gr dibulgur e quinea pronti in 10min.
Per prima cosa scaldare un filo d’olio sul wak. Tagliare a pezzetti le verdure, l’aglio e cipolla e far rosolare. Sbucciare lo zenzero e tagliare a pezzetti. Versarlo. Idem per l ‘alganori. Versare l’intera confezione di bulgur e quinoa. Aggiungere acqua bollente fin quando non copre tutto. Far assorbire un po’ l’acqua dopo di che aggiungere 200gr di latte di cocco. Abbassare la fiamma mettere il coperchio e farlo andare per 15 20 min. Spegnere il fuoco aggiustare di sapidità con salsa di soia, aggiungere l ‘ altro latte di cocco, condire con semi di sesamo, coriandolo o prezzemolo e un filo d’olio. Servite!